UN ANNO SPECIALE PER METAMARINE

San Benedetto del Tronto 18 Dicembre 2010 

Un anno speciale per l’alfiere della cantieristica sambenedettese e per Metamarine, vanto dell’intera motonautica italiana. Campione del mondo con il monocarena Metamarine Foreste&suardi nel Mondiale Powerboat Gps, infatti, Marco Pennesi ha festeggiato una stagione storica dal punto di vista del Reparto Corse e da quello del Cantiere. Per un titolo Mondiale stravinto con una imbarcazione tutta made in Italy, ecco arrivare in casa Metamarine anche il gioiello tutto pensato per i mercati del lusso. Parliamo della Tnt 48 Replica, un monocarena che giá fa venire l’acquolina in bocca ai patiti del
lusso sportivo. Pennesi ha parlato così di questa sfida dell’innovazione italiana: “Due anni fa abbiamo deciso di mettere a disposizione di coloro che se lo possono permettere la tecnologia sperimentata nelle gare e abbiamo progettato e realizzato una delle più belle barche open da 15 metri. Abbiamo avuto un grosso successo nella presentazione ufficiale avvenuta al Salone Nautico di Genova, poi siamo stati invitati ad esporla alla Fiera del Lusso di Vicenza. Continuiamo a lavorare, pensiamo di stare avviando un nuovo business e siamo certi che tutto l’indotto della cantieristica ne beneficerà, qui nel Piceno”.

Alla festa di Pennesi e del suo team c’erano molti esponenti istituzionali. Il deputato dell’Udc Amedeo Ciccanti ha avuto parole di grande stima per il direttore tecnico di Metamarine: “Marco è il nostro Leonardo da Vinci, è un uomo davvero geniale, verso di lui nutro una stima immensa, è un inventore e un imprenditore, è un grandissimo lavoratore, è un campione dello sport, magari l’Italia avesse tantissimi uomini come lui, saremmo i primi al mondo. Spero che possa incoraggiare tanti altri imprenditori affinchè si esporti sempre più la genialità italiana all’estero”. Il sindaco di Grottammare Luigi Merli ha elogiato l’estro e l’abnegazione di Pennesi, parlando in termini positivi della sua capacità di fare impresa e creare lavoro in un momento di crisi economica.  “Marco è un imprenditore d’avanguardia, e trova anche il tempo di vincere titoli mondiali ed europei. A Grottammare davvero non sappiamo più che premi istituire per dimostrargli la gratitudine della collettività”.Poi c’erano gli assessori provinciali Bruno Gabrielli e Filippo Olivieri, i quali hanno parlato di Pennesi e di Metamarine come “vera eccellenza del territorio, un vanto su cui il Piceno punterà molto nell’elaborazione del nuovo piano di marketing turistico. Pennesi può essere un ottimo ambasciatore del nostro territorio”.Non poteva mancare il comandante della Capitaneria di Porto, Daniele Di Guardo, che ha affermato: “Per me è stata una sorpresa trovare qui a San Benedetto un pilota così forte. Metamarine per noi dell’autorità portuale è un vicino di casa tranquillo, tranne quando esce in barca. Scherzi a parte, è veramente un motivo di vanto per la cantieristica sambenedettese”.
Alla festa, oltre ai fans e ai sostenitori, c’erano ovviamente i due piloti che affiancavano Pennesi nel Reparto Corse, il veneziano Giampaolo Montavoci e il giovanissimo grottammarese Stefano Bonanno. C’era Joe Gelonese, responsabile marketing di Isotta Fraschini, la storica casa motoristica del gruppo Fincantieri che sta collaborando con Metamarine per la messa a punto dei suoi nuovissimi propulsori navali.

Ringraziamenti e riconoscimenti a tutti gli sponsor Foreste & Suardi, Ademar Piquet Renzo Montecchi Modena,Western e Co,Mate, Marina Yachting,Vartenna, Cerreti, Elettro Stella, Maxim, Esquise.
Fra le imprese vicine al team corse, si registra la presenza di Battista Faraotti, che dal 2011 con il suo marchio Fainplast tornerà ad affiancare l’avventura sportiva di Metamarine. C’era anche la famiglia di Roberto Speca della SIA, imprenditore recentemente venuto a mancare, che dagli inizi è sponsor e amico di Metamarine. Alla sua memoria sono andati gli attimi più toccanti della festa.